Alternanza

Ai sensi della legge 107/2015 (c.d. “Buona Scuola”), l’Alternanza Scuola-Lavoro (ASL) entra a far parte a tutti gli effetti del curriculo degli studi di istruzione secondaria superiore al fine di “incrementare le opportunità di lavoro e le capacità di orientamento degli studenti”.

Il monte ore da dedicare ad attività di ASL è complessivamente, per ciascuno studente, di 400 ore per l’indirizzo Tecnico Economico e di 200 per i Licei.

L’obiettivo primario che si vuole raggiungere in tale progetto è quello di sviluppare negli studenti un metodo di apprendimento che possa adeguarsi a diversi contesti culturali e ambiti lavorativi e che possa modificarsi e ristrutturarsi a seconda delle esigenze richieste da una società in continuo cambiamento in modo che il proprio sapere divenga utile strumento per comprendere la realtà quotidiana anche al di fuori da un contesto strettamente scolastico.

Al contempo, con l'osservazione di luoghi di lavoro e con il contatto diretto con aziende e professionisti di diversi settori, si vuole promuovere l'auto-imprenditorialità degli studenti, affinché possano comprendere realtà e dinamiche professionali in grado di sostenerli nelle scelte formative future. Ciò favorirà l’assunzione di scelte responsabili nei confronti dei diversi contesti professionali e sociali in cui i giovani adulti saranno chiamati ad operare. Tali competenze dovranno essere consolidate nel percorso individuale del triennio, anche grazie ai percorsi che la scuola sarà in grado di proporre negli ambiti disciplinari al fine di agevolare una più chiara lettura della società e una maggiore comprensione ed analisi dei fenomeni economici, sociali e culturali che la attraversano.